Sui social impazza il “boicottaggio” dei sacchetti a pagamento

La rivoluzione dei sacchetti di plastica è iniziata. No, non è un caso se enfatizziamo quella che doveva essere una semplice misura in favore dell’ambiente, una richiesta arrivata dall’Europa, un segno di civiltà. Una battaglia che invece, soprattutto sui social, ha assunto toni sempre più forti, ricca di imprecisioni, mezze bufale e accuse a partiti e associazioni. Da due giorni, su Twitter, non si parla d’altro con l’hashtag #sacchetti costantemente tra le prime posizioni nella classifica delle tendenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *