Latte in polvere, l’accusa: “Da Nestlé informazioni ingannevoli”

Nestlé è stata accusata di aver violato i codici etici di marketing e manipolato i clienti con affermazioni nutrizionali ingannevoli sulle sue formule di latte per bambini. A riportalo il Guardian, che cita un nuovo rapporto della Changing Markets Foundation secondo cui la multinazionale commercializzava in diversi paesi le sue formule latte come “più vicina a”, “ispirata da” e “seguendo l’esempio del” latte materno umano, nonostante un divieto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dell’Onu. Lo studio, che ha analizzato oltre 70 prodotti di latte per bambini Nestlé in 40 paesi, ha anche scoperto che Nestlé spesso ignorava i suoi stessi consigli nutrizionali nella pubblicità. In Sud Africa, l’azienda ha utilizzato saccarosio nelle formule di latte per lattanti, mentre commercializzava le sue formule brasiliane e di Hong Kong come prive di saccarosio “per la buona salute del bambino”. A Hong Kong, promuoveva le sue polveri di latte per bambini come più sane perché erano prive di aromi alla vaniglia – anche se vendeva formule aromatizzate alla vaniglia altrove.

Diversi messaggi in diverse aree
Nusa Urbancic, direttore delle campagne per la Changing Markets Foundation, ha dichiarato al Guardian: “Siamo arrivati ​​a capire che le aziende manipolano le risposte emotive dei consumatori per vendere una varietà di prodotti, ma questo comportamento è particolarmente immorale quando si tratta della salute vulnerabile dei bambini. Se la scienza è chiara che un ingrediente è sicuro e benefico per i bambini, allora tali ingredienti dovrebbero essere presenti in tutti i prodotti. Se un ingrediente non è sano, come il saccarosio, non dovrebbe essere presente in nessun prodotto. L’incoerenza di Nestlé su questo punto pone seriamente la questione che sia impegnato per la scienza, come dice di essere “.

Le disposizioni tradite dell’Oms
Nel 1981, l’OMS adottò un severo codice pubblicitario che vietava la promozione dei prodotti a base di latte per l’infanzia in qualsiasi modo paragonabile al latte materno. Nestle sostiene di seguire il codice “come implementato dai governi nazionali”. Ma il nuovo rapporto rivela che ha pubblicizzato negli Stati Uniti prodotti come Gerber Good Start Gentle powder come “il nostro (prodotto) più vicino al latte materno” e ha venduto la sua polvere Beba Optipro 1 in Svizzera come un prodotto che”segue l’esempio del latte materno”. Prodotti Nestlé simili a Hong Kong e in Spagna sono stati pubblicizzati come “ispirati al latte umano” e con “una struttura identica” al latte materno.

La difesa di Nestlé
La società non ha risposto a domande specifiche sul nuovo studio, ma un portavoce della Nestlé ha detto al Guardian che supportava le raccomandazioni dell’OMS e riteneva che il latte materno fosse, per quanto possibile, “la fonte ideale di nutrizione per i bambini”. Tuttavia, non tutti i bambini potrebbero essere allattati al seno come raccomandato e “laddove necessario o scelto dai genitori, offriamo prodotti nutrizionali di alta qualità, innovativi, basati sulla scienza per madri e bambini dal concepimento ai due anni”, ha affermato il dipendente. “Commercializziamo questi prodotti in modo responsabile in ogni momento e le affermazioni fatte sui nostri prodotti si basano su solide prove scientifiche”. L’anno scorso, il professor George Kent dell’Università delle Hawaii ha scritto che descrivere un prodotto come “più vicino al latte materno … non è lo stesso che dire che è vicino al latte materno. New York è più vicina del New Jersey a Parigi, ma questo non significa che New York sia vicina a Parigi “. Il latte materno, sostiene il Guardian, è un’alimentazione “personalizzata” e in continua evoluzione tra madre e figlio che contiene sostanze vive – come anticorpi e composti correlati al sistema immunitario – che non possono ancora essere replicati in laboratorio.

 

fonte: www.ilsalvagente.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *