Fq MillenniuM in edicola – “Che cosa vi siete mangiati?”: la truffa sugli alimenti bio

Sugli scaffali dei supermercati di mezza Europa erano vendute come prodotto biologico Made in Italy. Ma quelle zucchine provenienti dalla Sicilia tutto erano tranne che bio. Questa, infatti, è la storia di una truffa. Scoperta a novembre scorso e costata ai consumatori la bellezza di otto milioni di euro. In Italia nessuno se n’era accorto, la segnalazione è arrivata dall’Inghilterra. Tante sono le frodi denunciate negli ultimi anni, altre invece non sono mai venute alla luce. Così il consumatore non può che continuare a chiedersi se valga la pena pagare di più per un prodotto etichettato come biologico. Cosa stiamo comprando? Conviene produrre biologico? Conviene acquistarlo? Un’inchiesta indaga su un mercato diventato un affare miliardario: i consumi aumentano da 15 anni, nel 2016 i terreni bio sono cresciuti del 20,4% e nel 2017 il fatturato ha superato i 3 miliardi. Proprio per questo c’è chi ci specula. Eppure i controlli dovrebbero essere ancora più severi rispetto a quelli sull’agricoltura tradizionale. Dovrebbero, appunto.

Le falle nel sistema e chi ne approfitta
Perché a spianare la strada a chi vuole guadagnarci su, vendendo come biologico un prodotto in realtà coltivato con metodi convenzionali, c’è un sistema che fa acqua da tutte le parti. Poca trasparenza su produzione e importazioni del bio, verifiche nei campi rare e superficiali, organi di controllo pagati dagli stessi produttori che devono controllare e, come ultimo atto, un decreto ministeriale che doveva risolvere il problema del conflitto di interessi ma che, annacquato in fase di approvazione finale, scatta solo una fotografia della situazione attuale. Un quadro pieno di ombre che rischia di togliere credibilità a un metodo che, se fatto bene, porta indubbi vantaggi all’ambiente e alla salute. In Italia se un’azienda vuole produrre o vendere biologico ha l’obbligo di farsi certificare da un organismo autorizzato da Accredia, ente unico designato dal governo. Questi organismi (che si fanno pagare il servizio) sono una ventina e i loro rapporti con gli operatori del bio sono regolati da un conflitto di interessi stabilito dal decreto approvato dal governo Gentiloni il 22 febbraio, a dieci giorni esatti dalle ultime elezioni politiche.

leggi tutto l’articolo su: il fatto quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *